THE BLACKLIST, la lista nera – Aspettative/nonvederel’oradirivederlo

Io penso che succeda un po’ a tutti all’inizio…

Vedi una pubblicità di un telefilm, che magari in America è famosissimo, in Italia, e lo inizi a guardare con quel sospetto misto tra curiosità e omiodio non farò la fine di diventare fan perchè io non ci credo che sia così bello.

Ebbene l’anno scorso iniziai a vedere un telefilm di nome The Blacklist. Certo il nome non dice molto del telefilm ma…posso ufficialmente dichiarare di esserne diventata una cosa simile a una fan, ecco.

Prima lo hanno iniaziato a trasmettere, poi è diventato intrigato, poi ha iniziato a piacermi, poi mi chiedevo quanti giorni mancassero prima della prossima puntata(è proprio l’attesa che ti porta a gustarti al meglio il telefilm e non guardare subito il continuo in streaming), poi c’è stata la svolta e quando  uno non se lo aspetta è finito.

E allora che fai? Pensi se ne faranno un continuo o se non lo faranno, e se lo trasmetteranno in Italia su una tv che non sia a pagamento per vederlo. E lì ti demoralizzi un po’ perchè ti piace tanto tanto e poi per caso c’è una tv accesa e passa la pubblicità THE BLACKLIST seconda stagione questo venerdì ed è qui che ti illumini.

Insomma in parole povere ,sì, venerdì daranno la seconda stagione, e sì, questo ha dato via alla mia voglia di parlare del telefilm con tutti voi. Ma ancora meglio se qualcuno lo conosce non si trattenga a parlarne e quindi a commentare che sia qui o su qualche social dove trova la mia pagina.

Veniamo a noi ma cosa è The Blacklist? Beh…letteralmente in italiano si potrebbe tradurre in “la lista nera”, ma, non farebbe così figo come in inglese no? :c

Insomma cosa sarà questa lista nera? Cosa ci sarà scritto?

Per avere una risposta dobbiamo dare la parola a uno dei più grossi e grandi pericolosi ricercati dell FBI: Raymond Reddington. Eh si, perchè lui sa, e un giorno pensa bene di costituirsi di propria volontà alle autorità, offrendosi di  fornire informazioni su ogni criminale con cui lui abbia avuto a che fare. E qui beh…secondo me ogni agente avrà avuto una doppia personalità, una con le stelline agli occhi e una con una palla di preveggenza tra le mani chiedendosi il perchè…Insomma tornando a noi. Questo patteggiamento ha come clausola d’accordo una sola cosa, avere come suo referente Elizabeth Keen, giovane analista al suo primo giorno di servizio. Questa richiesta, all’apparenza incomprensibile, costringe l’agenzia a rendere “Lizzie” parte integrante di una segreta unità operativa, che da quel momento inizia a occuparsi essenzialmente dei casi forniti da “Red”.
Ed è proprio qui che entra in gioco il nome del telefilm “la lista nera”: la speciale blacklist stilata da Reddington tradisce un carattere molto personale: l’uomo, infatti, grazie a questa vuole liberare la piazza dai suoi principali nemici, avvalendosi di fatto delle forze dell’FBI per proprio tornaconto; il Bureau non può tuttavia esimersi dal catturare quelli che sono a tutti gli effetti dei criminali, dando così l’avallo a questa singolare collaborazione. Tutto ciò finisce ben presto per intrecciarsi con le vicende personali della stessa Elizabeth,  che cerca di capire quale sia la vera natura del legame tra lei e Reddington.

Azione e mistero che si intrecciano alla sete di sapere cosa si nasconda dietro tutto ciò.

Io ho amato i due personaggi principali! E non vedo l’ora che sia venerdì *^*

Quinnnnndi vi suggerisco di vederlo! 😛 E chi lo ha visto che mi dice? Gli/ le è piaciuto o no? Fatemi sapere!

See you soon,

A.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...