Alla vostra attenzione: i problemi che ho con l’umanità delle persone dal corriere al dottore al cup

Buon dì! Buon lunedì e buon caldo o pioggia o neve °_°

Siamo già in agosto ç____ç che amarezza….

Il titolo dell’articolo ha un suo perchè, mi sembrava proprio ad ok per andare a raccontare cosa mi è successo ultimamente…a cosa ho assistito…senza dover andare più in là di qualche chilometro.

Vi avverto…è un po’ lungo…ma vi prego di leggerlo con attenzione.

LA INTRO:

Inizio con il chiedervi…chi è di voi che gioca online?

Chi è che gioca a un moba online?

Un gioco online moba come quello che gioco io…che è League of Legends…ti da molto da pensare…sulle persone!

Sì sulle persone, perchè ormai chi gioca online non è più il semplice bambino dii 10 anni in su…no…si trovano persone dai 30 anni in su…e sono la crem della crem.

In questi videogiochi…ci si sfida in squadre che possono andare dai 3v3 ai 5v5 ai 6v6 e così via dicendo…

Si gioca su dei server, per noi vale quello Europeo, ma ce ne sono tanti per ogni continente!

Ebbene…quando ti inserisci nell ricerca di un team…ti possono capitare….francesi, spagnoli, tedeschi…e così via.

E credetemi dopo un po’ che inizi a giocare…ti viene naturale inveire contro coloro che ti prendono in giro…che ti fanno perdere tempo…che insultano….

E allora inizi a dire…ommioddio uno spagnolo….un francese…un tedesco…

Inizi a etichettare ogni persona che ti capita in team…che non sia italiano…ed è esclusivo litigarci…perchè ragazzi miei non è solo il telegiornale che ci mostra che noi italiani siamo visti, veramente male all’estero…ma c’è il peso anche online…

E così gli spagnoli diventano mangia paella….i francesi baghettari…i tedeschi…non lo so perchè parlano nella loro lingua e dicono che non è importante che tu capisca….e loro ci etichettano come: mangia pizza, mangia pasta, mangia mozzarella…offesone…insomma xD

MA

Arriva l’italiano in partita….

L’italiano in partita, il più della metà delle volte, è come accendersi una bomba sotto il culo. Detto in modo semplice.

Perchè potremmo avere da ridire su ogni persona straniera, che di inglese non riesce neanche a dire ciao…ma trovare un italiano….

E con questa intro…vi vado a raccontare cosa mi è successo…

  1. Le consegne del fattorino: a chi di voi non è capitato di dover fare acquisti online e che l’acquisto arrivasse tramite corriere? Ecco. Capita…che io abiti a due piani e mezzo da terra, senza ascensore…bene…quel giorno stavo organizzando delle cose tra blog e varie faccende di casa e problemi, che non avrei potuto lasciare a metà…ma vabbè…il campanello inizia a suonare…una…due…tre…quattro…il tutto nel giro di tre secondi…il tizio si attacca al campanello…Già aveva iniziato malissimo e da maleducato…arrivo al citofono..chiedo chi è…e gli dico gentilmente se può salire…”NO, sono di fretta” Un suonare di campanello continuo+una risposta seccata = una risposta ancora più seccata. “Arrivo giù io, non si preoccupi”…Tempo di trovare le chiavi per aprire la porta…il tizio stava venendo su…magianna,magianna….arrivo a metà scala e il tizio ha la faccia incazzata, del tipo: ti meno o dico qualcoa…allora lo guardo e aspetto che parli…niente. Firmo, prendo il pacco e il tizio praticamente scappa giù dalle scale “arrivederci”. Io capisco che sei un corriere…che non sei obbligato a venire su…ma la pazienza…come la finisci tu la finisco anche io. Il giorno dopo…lo stesso corriere si ripresenta con un altro pacco “Ah è lei, quella che non voleva venire giù” io lo guardo…firmo e dico “Non si preoccupi, fa niente, vengo giù io” Non avevo voglia di questionare…ma lui insiste “Pensi noi che ci dobbiamo fare chilometri su chilometri e dobbiamo farci pure le scale, arrivederci”. Grazie a dio si è volatilizzato….perchè cercava rogna. LUI CERCAVA ROGNA. Con tutto il rispetto che ho per chi lavora…lui è il classico esempio per cui i trasportatori perdono dignità. L’arroganza…con cui ha detto quelle cose…a una persona che non conosce…e poi cosa vuol dire “pensi a noi che ci facciamo i chilometri” Tu vieni pagato…non c’è bisogno di rompere le palle se non vuoi salire e hai fretta. Stavo andando giù io…1 minuto..e scendevo. “Lei è quella che non vuole scendere”…io spero tanto che torni quel tizio..così lo faccio parlare con mio padre…che il trasportatore lo ha fatto per una vita e non è mai stato cafone e maleducato come quel tizio…
  2. La visita dal medico di famiglia: La scorsa settimana mi sono iniziata a riempire di macchie pruriginose…inizialmente pensavo fosse uno sfogo dovuto al caldo…poi dalle gambe mi è passato alle orecchie e dietro le orecchie…ma un prurito, con un prurito che nemmeno le creme varie che ho provato a darci facevano effetto…alla notte potevo dormire solo se mi fasciavo le gambe con delle bende bagnate e fredde, che mi permettessero di potermi addormentare per qualche ora…non stavo esattamente bene…allora cosa si fa? Si va dal dottore di famiglia…e vi dico, che per quello che viene a me ci vado per disgrazia, e grazie a dio, una, massimo, due volte all’anno…Il medico funziona che prende appuntamenti per telefono…beh quella mattina…la luce era saltata in tutto il quartiere…per cui il telefono non gli andava…decidiamo di andarci di persona…visto che è vicino…alle 11 arriviamo là…parliamo con la segretaria…
    “Il medico non credo possa ricevervi…abbiamo le visite e le urgenze oggi…”
    Insomma..abbiamo aspettato più di un’ora che lei andasse dal medico a riferire se mi guardava cosa avevo e via dicendo, insomma se potevamo parlare direttamente con lei…nel frattempo il prurito era tornato…
    Dopo un’ora che siamo seduti lì in sala d’aspetto tra prurito e caldo….sento la mia dottoressa parlare con la segretaria…Mi affaccio e la segrearia scorbuticamente mi dice che la dottoressa non mi può vedere di tornare dopo…
    Dopo un’ora che sono lì…ad aspettare…al caldo e tutto, nel pomeriggio non potevo andarci..
    Questa segretaria maleducata…mi è venuta a dire..che se non potevo tornare il pomeriggio tornavo un’altra volta, perchè si vedeva che non ero così grave…E io le ho risposto che non stavo bene e che dopo un’ora, avrei voluto parlare di persona alla mia dottoressa…e lei mi ha risposto che loro stavano lavorando, non che non stavano facendo niente…che non erano solo lì per me…e si è permessa di venire a dirmi…che mia madre era sempre lì da loro, che sapeva cosa fare per farsi visitare…e che io non ho nulla da fare e quindi che potevo tornarci…c’è….ci sono rimasta di merda…le ho detto scusi…”ma lei cosa ne sa? Cosa centra mia madre??”. Nel frattempo…avevano già iniziato a chiudere…c’erano altre persone…e la mia dottoressa bella che vestita stava uscendo…le ho detto…Mi può guardare 5 secondi che ho uno scadore che non ci sto più e che non sto affatto bene, per favore?
    Beh…la dottoressa mi ha guardato e ha detto…”non si viene a quest’ora, è troppo tardi, vai in farmacia e ti fai dare un medicinale da banco!” Dopo un’ora e passa che ero lì, mi faccio dare un medicinale da banco? Per curare cosa? Per spendere i miei soldi alla cazzo di cane?. La segretaria maleducata e la dottoressa pure?..Allora le sono sbottata in faccia dicendo che ho aspettato più di un’ora…con la segretaria maleducata e che si mettessero d’accordo sugli orari delle visite. Non ci voleva molto a darmi un’occhiata…5 minuti del su tempo. Adesso io dico…quella notte…sono stata da cani..e ogni fottuta volta che dovevo farmi curare da quella dottoressa… preferivo stare male, pur di essere trattata così…uno qui, in Italia deve decidere se morire davanti al proprio dottore o in ospedale ad aspettare e a pagare…perchè è questo il bello…paghi. Se repiri, paghi. E sapete il bello? Che la dottoressa ha voluto fare la rinuncia a mia madre come paziente…della serie WTF? Cioè cosa centra mia madre????
  3. Al Cup dell’Ausl e i medici in vacanza: Dopo questa vicenda…con la mia dottoressa..e dopo altre svariate vicende che sono capitate, sempre con me, che con i miei genitori…ci siamo stufati e abbiamo deciso di fare l’esposto l’ausl e di cambiare dottore. E qui l’ennesimo dramma all’italiana…Sapete come funziona al cup no? Non credo che si comportino così solo qui. Entri…devi prendere il biglietto, in base a cosa devi fare con la tizia davanti al computer…ti siedi e aspetti…Quando siamo arrivate a prendere il biglietto c’erano una simpatica vecchiettina che ti indicava cosa dovevi fare…sapete i volontari…che si annoiano a casa? E un signore…diciamo che dobbiamo cambiare dottore e il tipo scoppia a ridere °-° “ahahahaha auguri…è un’ora che io aspetto!” Ci andiamo a sedere con il librone dei medici da scegliere…e qui assistiamo all’opera teatrale. Seduta ad aspettare c’era una grande e grossa signora nera incinta…che ha iniziato a sbottare con le tipe del cup…perchè non la volevano aiutare…diceva di aver lasciato un figlio invalido a casa e di essere incinta e che dovevano lasciarla passare e non farla aspettare delle ore lì…vediamo arrivare una delle guardie armate…la nonnina volontaria…che cercano di calmarla…e lei che urla e urla…infuriata…una delle impiegate al computer si altera e inizia a sbottare pure lei
    “Scusate??? Qual’è il problema??? Noi stiamo lavoando e voi fate baccano”
    E da lì apriti cielo…la tizia si è alzata, è uscita da dietro la scrivania e con le mani sui fianchi ha iniziatom a dire…
    “Questa è una sala d’attesa…voi vi sedete e state zitti…noi stiamo lavorano e non si capisce niente…”
    Di fianco a noi c’erano un uomo e una donna…
    Uomo: “Signora…lasci perdere…smetta di perdere il tempo…e torni a lavorare che già di tempo di attesa ce nè molto..”
    Non lo avesse mai detto…la tizia si è girata tipo robot assassino con lo sguardo in fiamme
    “Ma davvero? Grazie.”
    E quando finalmente si è seduta….
    Donna, sussurrando all’uomo: “Io ero qui anche ieri…e questa è sempre qui a polemizzare invece di fare il suo lavoro”
    Uomo: “Come se noi non lavorassimo e fossimo qui a divertirci”
    Impiegata: “Questa poi lo va a dire a qualcun altro…signora. La sento sa?”
    E da lì via a un’altra discussione su chi volesse polemizzare cosa…su chi avesse delle pillole tranquillizzanti e scambi di posto per non andare da quella impiegata, l’ennesimo litigio con la donna nera al semplice passare davanti alla scrivania dell’impiegata…Buon dio….Ma si può? Già il caldo, già il dottore, già l’attesa, in più…mi devo portare i pop corn da casa per assistere a queste scene? Insomma alla fine siamo riusciti a cambiare dottore…e volevamo fare un’esposto al dirigente…ma che “per motivi personali”, abbrevio in…. era in vacanza ma la segretaria/sostituta non lo avrebbe mai detto…non c’era e ci suggeriva di fare un reclamo scritto…perchè ha più importanza lo scritto che la parola…e di mettere questo foglio in una cassetta, che viene aperta una volta al mese….WTF. Un mese? Un mese per sapere cosa è successo? E poi…non si sa nemmeno se fanno qualcosa? Ma perchè l’Italia è così?

Io vi dico…ho solo 21 anni…e devo passare ancora il resto degli anni a venire con il pensiero che questi tre tipi di persone non saranno nè i primi nè gli ultimi…io dico…capisco benissimo coloro che prendono su e se ne vanno dall’Italia…non passo un attimo della mia esistenza a pensare come sarebbe se anche io cambiassi stato…poi accendo la tv e mi rendo conto…come il discorso sui videogiochi…il resto del mondo non è migliore…tanto vale rimanere e combattere per rimettere il carreggiata il proprio…Ho 21 anni e sono già stufa.

Ringrazio tutti coloro che sono arrivati fino alla fine di questo articolo…che in pratica è uno sfogo…ma vabbè…e ricordiamoci che se non ne parliamo di queste stupide faccende…di questa gente…le cose non cambieranno…e vi dico io sono stufa…di guardarmi allo specchio, guardarmi le mani e pensare a domani vedendolo un grosso punto interrogativo negativo.

Vogliamo far qualcosa?

p.s Grazie al cielo non avevo nulla di grave…una semplice orticaria molto fastidiosa….

A-

 

 

Annunci

9 pensieri riguardo “Alla vostra attenzione: i problemi che ho con l’umanità delle persone dal corriere al dottore al cup

  1. Beh già che il problema non era fortunatamente grave mi rincuora parecchio, tutto sto casino magari da ripetere per le mille mila visite specialistiche successive sarebbe stato tremendo a dir poco…..
    Però hai ragione, il caldo rende tutti molto più fastidiosi e facili all’irascibilita, e poi ci sono quelli che godono proprio ad attaccare briga, non ci si può far niente ma voglio fare l’ottimista e pensare che tutto questo sia creato appositamente per non farci annoiare durante l’attesa in corridoi ordinati, silenziosi ed efficienti…..

    Liked by 1 persona

      1. Infatti hai fatto bene a condividere queste storie perché di sicuro è utile sfogarsi e inoltre sembra quasi che ci siano categorie di persone che meritano più attenzione e cortesia di altre…no dico ma va a quel paese anche! Quella del trasportatore è stata proprio comica, certo stai lavorando e in questo periodo sappiamo quanto sia importante potersi tenere stretto un posto di lavoro ma questo non ti impedisce di essere cortese diamine, e lo stesso vale per la signorina “non è ora di visite è tardi” e anche per quella lamentosa e assillante del Cup….

        Liked by 1 persona

  2. Hey mangiapasta pizza mandolino! Anche io gioco a LOL! O meglio, ci giocavo fino a poco tempo fa, al momento faccio solo qualche ARAM veloce di sera quando sono a casa da lavoro. Se mi lasci il tuo nome evocatore ti aggiungo agli amici così se capita l’occasione si fa qualche partita!

    Mi piace

    1. ahhhhhhhhhhhhh me la sono scordata la storia del mandolinoooo xD io gioco sempre di sera u.u ma è estate…e le perdo tutte per via dei vari troll °_° mi viene da piangere…mi chiamo PiumaBiancaS xD se ti becco con molto piacere gioco con te! Per quanto riguarda il resto…sto guarendo xD e ho cambiato medico! Una signora molto simpatica :3 che ha un collie e tre gatti °° il tutto saputo in 10 minuti ahaha vabbè :3 ogni volta che esco di casa ancora ho il potere di stupirmi per le persone maleducate che becco nella pa T_T

      Liked by 1 persona

  3. Anche il mio medico di famiglia ha una segretaria alquanto scorbutica, ma fortunatamente non a questi livelli. E fortunatamente non ci vado praticamente mai. Mia madre invece a volte è costretta, ma spesso può chiamare prima e farsi fare ricette da ritirare con calma senza bisogno di vederlo. Per altre cose andiamo direttamente in farmacia che c’è una dottoressa molto gentile e competente.
    Se quella donna in sala d’attesa alla Ausl era davvero incinta avrebbe dovuto passare avanti a tutti a priori. Special modo in un luogo sanitario.
    Comunque, a parte il caldo, spesso e volentieri gli impiegati agli sportelli di qualsiasi ufficio sembra che ti stiano facendo un favore e pensano che tu non hai mai un cavolo da fare se non stare mezze giornate in fila ad aspettare il tuo turno. Ora, io non ho nulla da fare, ma tu impiegato che caspita ne sai? Mica ce l’ho scritto in fronte che sono inoccupata. Io dico sempre che ringraziassero di avercelo un lavoro e lo svolgessero bene, altro che. E ringraziassero pure che per licenziarli ci vuole tanta di quella burocrazia ed impicci vari che non lo fa mai nessuno alla fine, nemmeno se il capo viene sommerso di reclami.
    Mchan
    Ps: meno male che non era nulla di grave! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Hai ragione…anche a te ti hanno messo la clausola inoccupata? “Perchè è diverso per un ex studente che cerca lavoro?” Pensa quando devi fare un sacco di giri…aspetti due ore e scopri di essere andata allo sportello spagliato perchè all’entrata chi ti indirizza sbaglia…anche quello mi è capitato °-° oppure di vedere impiegati che mangiano bellamente e chiacchierano…che amarezza sto mondo. Dopo che quella dottoressa mi aveva trattato così…sono andata in farmacia per disperazione e anche io ho trovato una dottoressa molto giovane e carina :3 che anche volte dopo in cui sono tornata mi chiedeva come stavo e se era passato…almeno qualcuno si salva u.u Poi io sono calma e tranquilla con le persone e le rispetto…ma se scoppio non mi mordo certo la lingua e dico tutto quello che penso :’) ma poi mi guardano e dicono “Hai 21 anni tu queste cose non le devi neanche pensare” °-°

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...