Vogliamo parlare? Cioccoshow, FICO, sicurezza urbana. Un grosso MAH.

Buon pomeriggio,

Come ogni anno siamo in settembre e non si può non iniziare a pensare a cosa succederà in novembre.

Come ogni anno in città si tiene una delle più grosse fiere del cioccolato che prendeva piede in Piazza Maggiore per almeno 4-5 giorni.

Quest’anno nel 2017 molti ci sono rimasti male nel vedere l’annuncio dell’evento ridotto a 3 giorni e spostato in un’altra piazza…con questo messaggio che compare sul sito dell’evento: cioccoshow.it

Non chiedetemi perché una parte dello sfondo del testo non si veda…non ne ho la più pallida idea °-° non so se sia un problema dei miei browser che non lo vogliono visualizzare o se sia un errore del sito.

cho.png

Quest’anno hanno deciso di spostare l’evento da Piazza Maggiore che è la piazza più importante della Città alla piazza davanti alla stazione (piazza xx settembre) ed è stato accorciato tutto di 3 giorni.

Il perché?

  1. Per un ri assetto gestionale delle piazze bolognesi di pregio.
  2. Piazza maggiore non è destinata a manifestazioni a finalità commerciali.
  3. Le nuove norme di sicurezza per le piazze principali delle città italiane.
  4. L’avvio del progetto FICO Eataly World.

Stiamo scherzando vero?

Ho deciso di creare questo articolo per parlarne per voi e sinceramente io mi schiero profondamente con i no a questa iniziativa…è stata come una sbadilata in testa ‘-‘

Sicuramente ci saranno dei pro e dei contro…tra questi il fatto che è una novità e che si trova davanti alla stazione…

Ma ragazzi siete seri?

“Meno male che è davanti alla stazione così si trova subito ed è facile arrivarci” 

Mi prendete in giro? Cioè La piazza centrale della città è un luogo così semplice da raggiungere…cioè dai °-° il detto della città è che puoi perderti in qualsiasi modo tu voglia, ma che in ogni modo sempre in piazza maggiore finirai…

E poi non so…il prossimo anno se volete lo facciamo direttamente sullo zerbino delle vostre case é_é così aprite la porta ed è lì…

Come dire che il Lucca comic & games lo spostiamo fuori città perché così la città non è pericolosa e tutti ci arrivano?

Abbiamo ridotto i giorni a 3…perché? Forse perché è in un punto della città con il traffico più elevato? é_é già è un problema passarci normalmente con la gente che si butta in mezzo alla strada per andare a prendere il treno o l’autobus….

Piazza Maggiore non è destinata a eventi con finalità commerciali? Quindi in alcun modo se mi capiterà di passarci dopo Novembre ci troverò Fiere del libro con libri in vendita o qualsiasi altra cosa in vendita?

Tutta colpa del nuovo decreto sulla sicurezza urbana e vi invito a leggere su questo sito cosa quel documento contiene…è assurdo: Sicurezza urbana: il testo coordinato del decreto

Ora immaginatevi una persona che prende il treno e va al cioccoshow…arriva lì, scende e dice: “mmmmh bene cioccolato qui cioccolato là” e poi improvvisamente vede il cartello del FICO e prende la navetta per andare là.

Cos’è il FICO?

Il 15 novembre aprirà il FICO Eataly World, il più grande parco agroalimentare del mondo, a Bologna.

La data di inaugurazione è stata decisa dal Comune di Bologna, promotore del progetto, con FICO Eataly World – la società di gestione del Parco -, la Fondazione FICO per l’Educazione alimentare e alla Sostenibilità, Prelios Sgr, che ha istituito e gestisce il Fondo Pai (Parchi agroalimentari italiani) per la sua realizzazione, e con CAAB – Centro Agroalimentare Bologna.

Il Parco, ad ingresso gratuito, punta ad attrarre milioni di visitatori da tutto il mondo, racchiudendo l’eccellenza dell’enogastronomia italiana, dal campo alla forchetta. I lavori di allestimento sono in dirittura d’arrivo, e nelle prossime settimane verranno ultimati per assicurare il taglio del nastro nella data prefissata.

 I numeri di Fico. Su 10 ettari, un’area complessiva di 100 mila mq con ingresso gratuito, Fabbrica Italiana Contadina racchiuderà tutta la filiera produttiva del cibo, attraverso 2 ettari di campi e stalle all’aria aperta, ed 8 ettari coperti che ospitano: 40 fabbriche, oltre 40 luoghi ristoro, botteghe e mercato, aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi. Inoltre saranno disponibili sei aule didattiche, sei grandi “giostre” educative, teatro e cinema. A corredo dell’impianto, un centro congressi modulabile da 50 a 1000 persone e una Fondazione con tre dipartimenti universitari.

Ho come l’impressione che arriverà il turismo come si aspettano, ma a risentirne ne sarà il cioccoshow…che non essendo una novità, verrà scartato per andare a scoprire cosa sia il FICO.

Insomma che altro dire? Se avevate paura di essere bloccati dal panico degli attentati e stavate cercando un motivo per scamparci…beh…non ci state riuscendo bene.

Saremmo destinati a passare il nostro futuro nella paura di tutto?

E voi che cosa ne pensate?

A-

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.