Il mio primo acquisto su Bangood e l’esperienza tragica con gli acquisti dalla Cina

spedizioni

Leggendo in qua e in là su vari blog e seguendo determinati canali YouTube, ho spesso sentito nominare il sito “Bangood”.

Sito di vari prodotti a poco prezzo, ha convinto quasi tutti tranne me.

Pensavamo che fosse un sito buono sul quale fare acquisti vantaggiosi, ma non si è dimostrato altro che allo stesso livello di Amazon con gli acquisti dalla Cina.

Ai primi di novembre abbiamo deciso di comprare lì degli oggetti elettronici e vari piccoli oggettini per creare un amplificatore da soli e per comprare anche degli attrezzi che 1. venivano meno (che ricordo non sempre il prezzo minore vuol dire qualità minore) e 2. su Amazon non li avevamo trovati.

Convinti, che essendo piccoli oggetti ci sarebbero arrivati in un’unica scatola, ci siamo visti dividere la spedizione in tante piccole scatole a sè…cosa inutile se non per far perdere la pazienza a chi aspetta la consegna…e vedete bene,  vi era la possibilità di unirli, in quanto ben tre oggetti erano stati confezionati insieme.

Come idea iniziale il sito ci aveva anche convinto…compri, ricevi le solite email di conferma (ovviamente tutto in inglese, perchè pur essendoci la possibilità di cambare lingua e impostare gli euro…le comunicazioni e il supporto sono esclusivamente in lingua inglese, così che perdono una marea di punti) e in più per ogni acquisto vai ad accumulare dei punti per futuri sconti o acquisti futuri (?)

Fin qui tutto bene.

Iniziano i problemi…

Tutti i pachetti partono, quello da 3 no.

Allora, mettiamo in chiaro che per me che ho studiato la lingua inglese non è un grosso problema capire e poi rispondere periscritto, e là dove non so una parola, vado a utilizzare il traduttore…ma chi sa solo le basi della lingua e non può comunicare e intendendere delle frasi più complesse…come avrebbe dovuto fare a comunicare con il supporto?

Sopratutto perchè è un casino quando devi contattare un supporto che parla di certe cose e si esprime con espressioni, che nei dialoghi comuni non si usano, facevo non poca fatica anche io a capire certi termini tecnici.

Contattiamo il supporto e ci viene detto: “Il pacchetto da tre non parte perchè uno degli oggetti non è disponibile”

Chiariamo che quando vai ad acquistare cè scritto “DISPONIBILE” e poi tu mi blochi una spedizione perchè un solo oggetto non è disponibile? E sopratutto, non lo comunichi nemmeno? Io devo venire a chiedertelo?

Sorvolando su questo piccolo complesso, mi suggeriscono gentilmente che il pacco si può dividere…MA VA?

E anche qui ci sono stati dei problemi.

A livello grafico nei miei acquisti del profilo, c’era una certa data di partenza “il giorno dopo della comunicazione con il supporto” ma a loro invece appariva un’altra data e tenetelo a mente, perchè questo dettaglio ci servirà più avanti.

Come ogni santa spedizione a piedi dalla Cina (perchè solo questo deve essere il motivo del tempo impiegato oggi che siamo nel 2017 e ci sono pure i droni) il tempo di consegna previsto era di un mese circa.

Passato un mese e un po’ non si vede nulla.

Voi direte “ah le vacanze di Natale”.

No, perchè era agli inizi di dicembre…e se tu imposti una data di consegna, non puoi dirmi che scala di altri giorni, perchè hai altro da fare.

Fatto sta che ci hanno proposto di aspettare altri 10-15 giorni, che dopo un mese di attesa diventa alquanto  seccante aspettare ancora, in quanto il loro sistema segnava che alcuni prodotti erano arrivati alla frontiera da più di 5 giorni.

Noi abbiamo richiesto il rimborso perche anche quando ordini con Amazon qualcosa dalla Cina, qui non arriva mai.

Ma proprio mai.

La prima cosa che ti dicono è che è fermo alla frontiera e di aspettare.

Il secondo motivo è che le spedizioni sono in mano alla posta e la posta era in sciopero per cui era colpa loro.

Il terzo motivo…e vi giuro una volta mi è capitato…”La frontiera ha preso fuoro”

Il quarto motivo, essendo piccoli pezzi, qualcuno se ne appropria o apre i pacchetti facendoti arrivare la metà dei pezzi.

Chiediamo il rimborso e udite udite…25 giorni di attesa per il rimborso e sul famoso pachetto a tre, che doveva esser stato diviso…non era possibile il rimborso.

Dopo aver chiesto il rimborso per gli altri pacchi, ci chiedono gentilmente la pazienza di altri 10 giorni e arrivare così al 30 di dicembre…e ricordiamo il giorno prima di capodanno…il che già era un presa per il culo, perchè il loro sistema (perchè il sistema elettronico ha vita propria e non che è stato impostato dagli umani eh…tutta colpa di un complotto alla IO ROBOT) segnava che non era ancora disponibile il “tasto” richiedi rimborso…sapete perchè? Ricollegandoci a quanto detto più sopra…il loro segnava che il pacchetto era partito a fine mese e non il giorno dopo la segnalazione…UNA BELLEZZA.

Diciamo vabbè, ok, portiamo ancora un poco di pazienza e vediamo se almeno qui hanno un poco di serietà.

Passa il 30…passa il 6 di gennaio, finiscono le vacanze e li ricontattiamo…

Sapete cosa vi dicono al supporto? Perchè evidentemente non sanno come funziona qui in Italia…

Chiedi il rimborso e ti viene detto…”Ma sei andato a sentire all’ufficio postale?”.

Ma secondo te? Io per un vostro problema del non sapere scegliere con chi cosegnare e come organizzarvi, devo mettermi a girare per la città e andare a chiedere che fine hanno fatto i pacchi? Che con l’autonomia umana italiana si rimbalzano la palla gli uni con gli altri?

E poi scusa…io ho il postino che viene dall’ufficio postale più vicino…se lui non ha pacchi e non dice nulla, perchè devo essere io ad andare a chiedere e dirgli di muovere il culo?

Fatto sta che alla fine la tizia ha capito che volevo il rimborso.

Poi sapete la cosa più bella? Che quando contatti il supporto di Bangood, aspetti almeno 30 minuti con una pagina piena di indicazioni inglesi sulle possibili alternative per trovarti la soluzione da solo (il FAQ, il più delle volte inutile.) e con la scritta…”Presto qualcuno risponderà” e quando rispondono e finisci la conversazione ti chidono pure un giudizio positivo. Ma secondo te dovrei darti un giudizio positivo se ti devo ripetere 3 volte rivoglio i miei soldi insietro?

Per quanto riguarda il passaggio dalla lingua inglese all’italiano del sito in generale…non vi sto nemmeno a dire le bellissime traduzioni senza senso che non stanno nè in capo nè in terra…e ve lo dico perchè vado spesso su Etsy, anche esso tradotto da inglese a italiano…ma non è così sconvolgente D=

Insomma…non penso proprio che tornerò a fare acquisti da Bangood, unica cosa che gli riconosco è il riuscire a seguire il cliente e a rimborsargli i soldi, almeno questa serietà la hanno.

Non è possibile che arrivati al 2017 dobbiamo ancora asvere dei problemi commerciali di questo genere (e non parlo solo riguardo a quel sito, ma di ogni spedizione che venga da là)…e che qui non arrivi mai nulla dalla Cina…e il postino ha molto da dire “Eh da quando Amazon ha dato l’incarico alle poste di consegnare i pacchetti è un casino”

Un casino…?

Ah l’organizzazione.

Risultati immagini per rabbia gif animate

E questo è quello che è successo a me. E voi?

 

A-